logo

Iniziativa Europea - Associazione Non Profit
Sede: Via Commerciale, 26 - 34134 Trieste
C.F. 91018360312 - email: info@iniziativaeuropea.it

 
 
 

Pubblicazioni

LA DONNA IL LAVORO IL SOGNO

E’ uscito per le edizioni Egon di Rovereto (TN) il libro LA DONNA IL LAVORO IL SOGNO a cura di Enrico Grandesso e Carlo Toniato con saggi molto interessanti. Fra essi ricordiamo “Saba la donna e il sogno” di Marina Moretti, direttrice della sezione letteraria di Iniziativa Europea.

Leggi l'indice del libro

Mademoiselle

Mademoiselle, di Enrico Fraccacreta: la nuova pubblicazione di Iniziativa Europea nella collana "Poesia sin Pureza" diretta da Marina Moretti, Ellerani Editore.

Dall'introduzione di Marina Moretti:

"Le immagini di Sergej Glinkov rendono ancora più percepibile la poesia del sud di Alpe Adria nel suo lievitare e fondersi con il nostro Nordest."Reti dal basso crescono nel parmanere della scommessa della poesia come voce di verità e di comunità: da sempre la marca di Inziativa Europea"

Guarda la copertina

 Guarda la presentazione andata in onda su Teleradiosansevero

poete a nordest

Recensione di Loretto Rafanelli al libro di poesie "POETE A NORDEST" (prodotto da Assoc. Iniziativa Europea) sul quotidiano LIBERAL, inserto culturale Moby Dick dell'11 giugno 2011.

"Nella elegante veste grafica di Ellerani editore, esce il libro Poete a Nordest, antologia che raggruppa sei scrittrici di valore, prevalentemente friulane. Una buona idea questa, perché permette di evidenziare le virtuosità poetiche di scrittrici di una zona d’Italia un po’ ai margini; ma pure di dar conto di una presenza poetica, quella femminile, certamente ricca. Sei poetesse che hanno scritture molto differenziate, e offrono una mappa esauriente della poesia del Nordest. Antonella Bukovaz, ha una versificazione tra il prosastico e l’aforistico, che si esprime con inesauribile labirintica forza; Marina Giovannelli ha una voce delicata ed emozionante, la sua poesia è una interrogazione continua, con una precisa attenzione alle problematiche sociali; Marina Moretti, evidenzia una sicura maturità, espressiva e linguistica, le sue poesie sono attraversate da una grande passione umana e civile, e ci paiono tra le più riuscite del volume; Gabriella Musetti, si pone di fronte al dolore e alle vicende della vita con nitida parola e sincera onesta ricerca; Mary Barbara Tolusso, esprime bene il groviglio della vita, con la sua caoticità e le sue ipocrisie, in un cercarsi e un cercare continui; Claudia Vocina, scrive poesie in sloveno e in italiano, e sono versi dai tratti leggeri come pennellate, frammenti classicheggianti e puliti. Il volume è accompagnato da belle immagini di cinque brave artiste friulane: Battistella, Blarasin, Jandolo, Marchionni, Santoro."

Ecco la copertina (cliccare sulla miniatura) del libro al femminile, che giustamente si fa notare: il 24 novembre saremo a Bologna per la giornata della violenza sulle donne a Bologna, e poi l'8 marzo 2012 saremo a Zagabria per presentarlo.

Leggi la recensione del Piccolo del 23 settembre 2011
Leggi la recensione sulla rivista "Qui libri" n. 8 di novembre/dicembre 2011 ad opera di Maddalena Capalbi. La rivista è reperibile nelle librerie Feltrinelli.
 Leggi la recensione Trieste ARTECULTURA di febbraio 2012 a cura di Liliana Passagnolli

IL DESTINO DEL MARE NELLA POETICA DI GIACOMO SCOTTI

E' uscito per i tipi Hammerle Editori nella collana Il Nuovo Timavo il libro di versi "Poesia del mare", 2011.
di Marina Moretti

Che il mare ti fosse destino l’avevo capito, come lo può capire chi condivide con te questo segno. Mi era chiara la tua anima adriatica, che se ci penso è quella di un mare stretto, che agogna alle sponde, sempre in viaggio con gli occhi e la mente come un’onda buttata dall’una all’altra parte, contro i duri argini di una storia sfortunata, col tarlo della nostalgia di antiche unioni, del sogno di nuove possibili. La tua stessa identità mi pareva liquida sempre mobile, venata di forti rizomi che ti ancoravano come alghe avvolgenti alle terre opposte, irenica; salvava dai nazionalismi assassini. Da lì nasceva il tuo impeto civile, la tua religione dell’uomo, la battaglia per la lingua, per la gente istriana, per gli italiani rimasti sull’altra costa, la fratellanza con le terre tormentate nel cuore nero dei Balcani, l’utopia della koinè transadriatica. Ma la tua poesia del mare, che ci hai affidata come una creatura da mostrare tutta intera, dai frammenti pubblicati a quelli inediti, tutt’intera creata in cinquant’anni di scrittura, è una cosa che avevo solo sfiorato a qualche lettura pubblica nella tua Fiume, dove tante volte ci hai accolti, noi di Iniziativa Europea, negli scambi di un’ idea condivisa di Euroregione.In questi versi nati in riva all’Adriatico è quell’altro mare che parla, il Mediterraneo greco della tua anima greca, che ti consegna al mito, allo stupore delle origini, a dirla questa trepidazione del primo sguardo che incontra le forme del mondo come potenze vive e terribili. Il mito è narrazione preumana, ha parametri divini, incontra gli antichi dei, la natura quand’era sacra, e non una discarica, ha a che fare con la vita universale e immortale. Per arrivare a questo vedere bisogna essere intensi, amare. Le tue poesie , così tante, di tantissimi anni, parlano di un rapporto quotidiano, lunghe contemplazioni, silenzi, appostamenti, turbamenti, uno stare accostato al mare,osservarlo nei suoi infiniti cambiamenti fisici e simbolici,vivere nelle sue metafore, proiettarsi in lui per dare senso grande, potente alla nostra fragilità umana di minima pars. A forza di amare il mare, hai incontrato il dio del mare… “Uomo libero, sempre avrai caro il mare”,comincia così una famosa poesia di Baudelaire. Questa libertà che ha marcato la tua vita di movimento, ricerca, opposizione,è quella che consente anche l’abbandono lirico. E’ forse la genesi della tua metafora del mare. Certe metafore sono voci del profondo, che ci connettono con il mistero nostro e dell’universo.

Guarda la copertina
Leggi la recensione di Liliana Passagnoli
Leggi lo spazio dedicato al libro su Liberal
Guarda la pagina della rivista "QUI LIBRI" (in vendita presso le librerie Feltrinelli)

cosi' vicino cosi' lontano

E' stato stampato il nuovo libro italo-sloveno "Così vicino, così lontano" in lingua italiana e slovena. E' il primo testo scolastico bilingue che vede attive le scuole superiori di Trieste ed una "reciproca" antologia.

Guarda la copertina
Credits del testo

equinozi

La luce e la notte hanno la stessa durata. La festa degli opposti che diventano uguali. Così la poesia italiana di Marina Moretti, donna, e la poesia slovena di Aleksij Pregarc, uomo, si fondono nella regia musicale di Alfredo Lacosegliaz e nelle voci di Ornella Serafini e di Irene Pelihan. Il dialogo poetico diventa un atto lirico che restituisce l’armonia di un mondo.
Booklet (disco cantato con le poesie di Marina Moretti e Aleksij Pregarc in italiano/sloveno e i testi bilingue) Edizioni Nota, Udine.

ENAKONOČJA - SPREMNA MISEL

Svetloba in tema sta uravnoteženi. Slavje nasprotij, ki se izenačujeta. Tako se italijanska poetika Marine Moretti, ženske, in slovenska lirika Aleksija Pregarca, moškega, stapljata v muzikalično pripoved Alfreda Lacosegliaz in petje Ornelle Serafini in Irene Pelihan. Poetični dialog se spreminja v simbiozo liričnosti, ki svetu vrača harmonijo.

Guarda la copertina
Recensione del Primorski
Recensione del Piccolo

in sacro anima vagans - arte e poesia

E' finalmente disponibile la copertina del libro in sacro anima vagans - arte e poesia, con opere di Tiziano Broggiato - Giovanni Fierro - Claudio Grisancich - Gianfranco Lauretano - Francesca Merloni - Marina Moretti - Roberto Mussapi - Alberto Princis - Loretto Rafanelli - Enzo Santese, per la Ellerani Editore.

Iniziativa Europea grazie alle sue reti face-toface riesce a discernere fra ammirazione e imitazione. Con in sacro anima vagans riconferma il bisogno di ammirazione di quel sacro che è saturo di essere. L’arte e la poesia, svolgendo funzioni ireniche importanti, nell’epoca di globalizzazione ci permettono di distinguere fra il senso di un viaggio a Puket e quello dell’opportunità di esaltare l’espressività delle relazioni dando spazio e voce ai “talenti”: poeti e pittori. La proposta del nostro scambio altro non è che il dono: exode de soi sans retour.

Guarda la copertina

atlantidi, di marina moretti

ATLANTIDI: il nuovo libro di poesie di Marina Moretti, direttrice della sezione letteraria dell’associazione Iniziativa Europea.

POESIE di MARINA MORETTI
ILLUSTRAZIONI di SERGEJ GLINKOV
PRESENTAZIONE di ENZO SANTESE
EDIZIONE: ELLERANI EDITORE

Creatività, Critica e Operatività sono i vettori di Iniziativa Europea che propone una cultura della addizione con la poesia e con le pitture nella sua nuova linea editoriale dal titolo “sin pureza”.

Guarda la copertina nel dettaglio

Leggi la presentazione di Enzo Santese sul gazzettino del 28 febbraio
Leggi la recensione di Augusto Debernardi
Leggi la recensione del Nuovo FVG
Guarda la segnalazione nella rubrica "Poesia" del bimestrale <PIù LIBRI> di sett/ott 2010.
Leggi la recensione sul giornale "Il Provinciale" di Foggia.

Un’anteprima da IniziativaEuropea
 

Che Guevara concludeva la sua vita il 9 ottobre1967, dopo aver percorso “muchos caminos”, aperto “muchas veredas” e navigato “en cien mares” ed attraccato “en cien riberas”. Un approdo fu Fiume/Rijeka dove Giacomo Scotti ebbe modo di incontrarlo. Una foto immortalò questo incontro, mentre il Che e Giacomo Scotti camminavano per la strada principale di Fiume. Il Che era in missione diplomatica per imparare e cercare nuove linee economiche e commerciali per la sua Cuba.
Giacomo Scotti con questo libro, di prossima pubblicazione, colma una curiosità e una lacuna.

novita' in libreria

Iniziativa Europea si lascia sedurre dalla divisione del numero in tre; la divisione che dà ben tre quozienti: quello creativo, quello critico e quello dell’operatività. Nel suo lanciare progetti per avere possibilità di azione operativa cerca l’oltre, oltre i confini delle lingue e delle culture – con i percorsi solidali delle donne – e oltre i confini che separano l’inclusione. La scommessa è quella di dare vita alla parola capace di nominare ciò che non è stato ancora pensato, dove il verbo va all’inizio “ante rem” e dove la ricerca in quanto tensione indeponibile conduce all’ascolto in una dislocazione che richiede una sospensione di ogni consuetudine di senso. Se, come scrive Flavio Ermini, “poesia è passione per la verità che si apre all’origine, all’inizio”, un nuovo evento; … non è la messa inscena di una realtà preesistente, esterna all’invenzione linguistica...” allora la poesia si incastona in un nuovo progetto del mondo. Verso un nuovo inizio.” Nell’ordine del nostro discorso possiamo interpretare il linguaggio e quindi la letteratura minore come conseguenza pratica di ciò che una minoranza fa in una lingua maggiore. Questo comporta tre distinte proprietà: deterritorializzaizone; cosa politica; valore collettivo. Non ci soffermiamo su di esse.
Nella ‘maggioranza’ il fatto individuale o personale (familiare, coniugale, genitoriale, lavorativo..) tende a congiungersi, a connettersi con altri fatti altrettanto individuali mentre il contesto sociale serve solo come sfondo, come contorno. Ne deriva che nessun fatto edipicamente rilevante è indispensabile o necessario (non a caso si ha un proliferare di istanze legate alla sessualità in maniera diffusa e abnorme, dal voyeurismo diffuso non solo via internet alla copulazione fra giovanissimi/e) e
tutti quanti fanno blocco in una spazio allargato. La norma diventa così ad alta soglia che accoglie tutto ed il suo contrario. Nella letteratura minore composta dal linguaggio minore è tutto diverso perché l’esiguità dello spazio fa sì che ogni fatto individuale si innesti immediatamente sulla politica. Esso, fatto individuale cioè, diventa necessario ed indispensabile ed ingrandito come se fosse stato messo sotto una lente del microscopio ed in esso si agita e si conforma una storia ben diversa capace di uscire dalla spazio esiguo e diventare un riferimento. A pensarci bene le osservazioni freudiane legate al triangolo edipico non sono forse la medesima cosa? Si connettono ad altri triangoli, commerciali, economici, giuridici di cui determinano i valori. Il linguaggio di genere esce dunque dall’individuale in sé e per sé e diventano fatti valoriali, politicamente rilevanti. E il tutto nella pienezza della luce. Le tre proprietà si risolvono nella funzione tensoria che implica la riterritorializzazione del senso. La rifrazione è data dai tre nuovi libri di poesia. Quello di Loretta Marsilli, “Calamity è qui”; quello di Marina Moretti “Portolano del tempo – Pristini časov” (traduzioni in sloveno) e quello di Aleksij Pregarc, “Zavratna usoda – Subdola sorte”.
E’ evidente che senza la presenza dell’editoria rizomatica di cui Hammerle Editori è grande esempio ed esemplarità la operatività avrebbe segnato il passo. L’avere portato a tre i numeri della collana traduzioni de “Il nuovo Timavo” è una bella soddisfazione che non mancherà di additare la realtà di una ‘porta’ ormai aperta. Ed anche un grazie a quei servizi della Regione Friuli Venezia Giulia (dell’associazionismo) che hanno valutato i nostri progetti in maniera positiva permettendoci di sostenere i costi concreti.

Leggi la recensione della rivista Arte & Cultura di marzo 2010.
Leggi la pagina della cultura del Primorski del 15 dicembre 2010 (in sloveno).

m@gm@ news

Il presidente di Iniziativa Europea, Augusto Debernardi, è stato inserito fra i Soci Onorari dell'Osservatorio Processi Comunicativi.
Vai alla Pagina Web Associati
Vai alla Pagina Personale di Augusto Debernardi

TRIESTE ARTECUTLURA n. 135, maggio 2009, Hammerle Editori, Trieste

Il nuovo numero di Trieste ARTECULTURA riporta un ottimo articolo sulla mostra “Arte e Poesia nel segno di Carmelo Zotti” che la nostra Associazione INIZIATIVA EUROPEA ha organizzato e concluso con un alto numero di visitatori, a firma di Matteo Gardonio (che ringraziamo ed apprezziamo).
Clicca qui per leggere l'articolo
Vi si trova poi un bell’articolo di Marina Moretti su Jack Hirshman, grande poeta statunitense, che è stato da lei recentemente incontrato e presentato al festival di poesia a Cormons.
Nella sezione “società economia, cultura, si trova il testo di Augusto Debernardi dal titolo “Il desiderio nella polis” che tratta della attuale crisi economica e delle opportunità offerte invece dal welfare pubblico e dalle pensione come fattori di prevenzione ed anche alcuni aspetti favorevoli dettati dal registro della cultura se ben governato.
Un numero da leggere, per questi testi che ci riguardano direttamente e per tutti gli altri veramente importanti!
 

il nuovo quaderno di m@gma@

E’ uscito il nuovo libro collettivo ed internazionale dei Quaderni di M@gm@ dell’OSSERVATORIO DEI PROCESSI COMUNICATIVI dal titolo SCRITTURE RELAZIONALI AUTOPOIETICHE, a cura di Orazio Maria Valastro (ediz. Aracne, Roma, 2009).
Un’avventura di formazione per le donne e gli uomini alla ricerca di se stessi... l’arte della autobiografia e del paesaggio del sé… il fondamento per una pedagogia della memoria e dell’immaginario”.
Iniziativa Europea con un testo di Augusto Debernardi e Marina Moretti è presente con il preciso riferimento alla pratica condotta con Elderly Poetry/Aetas Poetica (Ediz. KappaVu, Udine)

Gli autori di Scritture Relazionali Autopietiche:
Orazio Maria Valastro, Duccio Demetrio, Antonio Zulato, Federico Batini, Domenico Amoroso, Marina Moretti, Augusto Debernardi, Ferdinando Testa, Mabel Frantone, Georges Bertin, Magali Humeau, Pascale Fautrier, Salvatore Squillaci, Fabio Olivieri, Associazione Le Stelle In Tasca e Iniziativa Europea.

Guarda la copertina

elderly poetry, una sopresa!

 
Vi ricordate di Elderly Poetry/Aetas Poetica? (Ediz. KappaVu, Udine, 2007)
Ecco la sua copertina.
Sono passati due anni ed oggi, in occasione della apertura della mostra “Arte e Poesia nel segno di Carmelo Zotti”abbiamo ricevuto la vista del sig. Alfonso Rigamonti, classe 1926 e residente in una cittadina in provincia di Como, non proprio dietro l’angolo rispetto a Trieste. Il sig. Alfonso è un poeta che è stato pubblicato sull’antologia ed ha voluto venirci a conoscere di persona. Era accompagnato dalla sua badante e da alcuni amici. Prima a casa nostra e poi alla mostra a Palazzo Costanzi. Ci ha portato una nuova raccolta di poesie con una a cui è particolarmente legato. E’ questa, il suo dono per l’Associazione e per tutti con la nostra promessa della sua collocazione sul sito di Iniziativa Europea. Ne siamo orgogliosi, commossi ed onorati e lo ringraziamo di cuore.
L’AMICO VERO

Amico amico vero
nella mia casa, mio rifugio
umile, forte e sincero

Tu non hai colore
non tieni bandiera
accanto nel dolore

donar per te è gioir
e questo mondo ingrato
come ti può capir

Chi è solo e dimenticato
non per vil denaro
da te è più amato

E quando su quel viso
posi una carezza
a te basta un sorriso

Stammi sempre vicino
e nella notte buia
dividi il mio cuscino

Infondi pace e virtù
e dopo l’Eterno
in terra ci sei tu
             (Alfonso Rigamonti)

… a proposito della circolazione di affettività!

il puzzle di paolo universo

Avevamo visto bene, e Paolo Universo è stato tradotto in francese per un libro-puzzle edito in Canada.

Clicca qui per la versione ingrandita

muggiscono trattori nelle stalle mugissent des trateurs dans les écuries
cavalli nitriscono  des chevaux henissent
frustrati da acceleratori frustrés par l’accélérateur
belano capretti bêlent des chevreaux
appesi ai ganci delle macellerie appendus aux crocs des boucheries
cantano i tordi nei piatti caldi chantent les grives dans les plats chauds
accompagnati dalla polenta accompagnés de polenta
nell’aria rosa dal vento dans l’air rongé par le vent
volano i merli della vecchia torre volent les merles de la tour vieille
e lenta va la mucca et lent va la vache
al mattatoio à l’abattoir
   
vino ô vin
dammi la forza donne-moi la force
per sopportare de supporter
il nodo scorsoio  le nœud coulant
che mi serra in gola qui me resserre dans ma gorge

Cahier Folie/Culture n° 10 – Paolo Universo,
traduit de l’italienne par Danièle Faugeras et Pascale Janot

puzzle book

Follie/Culture Conseil des Arts et des Lettres
QUÉBEC (Canada), 2009

m@gm@

E' disponibile il nuovo quanderno di M@gm@, rivista elettronica di scienze umane e sociali. Il tema protante di questo numero è "SCRITTURE RELAZIONALI AUTOPOIETICHE".
In questo numero, un intervento di Marina Moretti, Augusto Debernardi su "La poesia come pratica di ri-costruzione di senso".

Leggi il sommario

federico righi

Il nuovo libro sul grande pittore triestino Federico Righi, scritto da Viviana Novak, contiene una presentazione di Iniziativa Europea con la collaborazione di Lucio Gregoretti e Augusto Debernardi.

 

 

 

Paolo Universo in francese

Prestate attenzione:

Freud diceva che “gli scrittori sono i migliori alleati e bisogna tenere in grande considerazione la loro testimonianza…”. Ed ecco che Paolo Universo, il nostro amico deceduto nel 2002 e di cui la nostra Associazione ha pubblicato il poema “Dalla Parte del Fuoco” trova la sua prima traduzione in lingua francese. Grazie a Pascale Janot è uscita la prima plaquette (libricino artistico veramente delizioso) della collana PO&PSY dal titolo”La ballade de l’ancien asile” (La ballata del vecchio manicomio) per i tipi delle edizione érès, Romonville Saint-Agne 31520.

Informiamo anche che grazie a Paolo e grazie alla moglie Chiara abbiamo copia della registrazione sonora in italiano di questa ballata rappresentata al teatro Miela di Trieste ed avente come attori degli amici dell’ambiente di San Giovanni di Trieste e presto la metteremo in rete. (Un grande ringraziamento a Lia Gregoretti che ci aiuta in queste azioni informatiche e di divulgazione)

Ma torniamo a Paolo Universo. Il testo di ”La ballade de l’ancien asile” è stato pubblicato anche sulla rivista di psicanalisi francese “Essaim, Revue de Psychanalyse, n. 20/2008” (ediz. Érès – www.edition-eres.com

ALCUNE NOTIZIE SU PAOLO UNIVERSO

Paolo Universo (Pola 1934-Trieste 2002)
Dopo un inizio brillante che lo portò a frequentare i migliori ambienti letterari milanesi e a comparire nel prestigioso Almanacco dello Specchio di Mondadori accanto a Paz, Pound, Stefan, Kavafis etc.., questo poeta rinunciò subito a pubblicare in nome di “una poesia onesta” in senso sabiano. Paolo Universo si votò allora ad un’esistenza letteraria solitaria, eccentrica e tormentata, il cui prezzo fu una condizione sociale precaria, senza agi e con la sofferenza di vedere la propria emarginazione. Si dedicò agli altri ed in particolare ai “marginali” e divenne un personaggio irrituale e “disturbante”. Gli anni ’70 segnati a Trieste dalla chiusura dell’ospedale psichiatrico ad opera di Franco Basaglia sono all’origine di alcuni scritti satirici e in particolare della “Ballata del vecchio manicomio”, uscita in traduzione francese nel 2008 (collana PO&PSY). Mentre il precedente periodo milanese trova espressione nel poema “Dalla parte del fuoco” pubblicato a Trieste a cura dell’Associazione Iniziativa Europea per i tipi della Hammerle Editori nel 2005. E’ rimasto invece inedito un grande saggio sull’opera di Arthur Rimbaud insieme e gran parte delle poesie giovanili, salvo una plaquette a cura di Giorgetta Dorfles.

EQUINOZI - ENAKONOČJA
ITINERARI POETICI DELL’EUROREGIONE

E' prossimo alla pubblicazione il CD "Itinerari poetici dell'Euroregione" dal titolo Equinozi, con le poesie di Marina Moretti e Alexij Pregarc e musiche di Alfredo Lacosegliaz per le Edizioni Nota di Valter Colle.
E' un'opera in lingua italiana  e slovena: un bel miscuglio.

Musiche-Glasba
Alfredo Lacosegliaz

Liriche-Poezije
Marina Moretti e Aleksij Pregarc

Tracce del cd

1. * Kdaj bo spolzela (Quando colerà)
2. ° Prospettiva equinoziale (trittico) Parte III Perspektive enakonočja
3. ° Il mio nome è Marina (I me mi je Marina)
4. * Vabilo (Invito)
5. ° Dedicata a Czesław Miłosz Czesławu Miloszu
6. * Kaos
7. * Vedeževalka (Indovina)
8. ° Un vecchio (Starec)
9. ° La casa di Maria
10. * Iz predilnice – Dal cotonificio / Jesen II (Autunno II)
11. * Večerna mistika (Mistica serale)
12. ° E voi santi di biscotto In vi Svetniki iz keksov
13. * Po peklu diši (Odore d'inferno)
14. ° Fuochi di Sant’Egidio Kzesovi iz Sv. Egidija

legenda:
° di Marina Moretti
* di Aleksij Pregarc

Canto e recitato - Petje in recitacija
Ornella Serafini

Canto e recitato - Petje in recitacija
Irene Peljhan

Recitato - Recitatorka
Marina Moretti

Recitato - Recitator
Aleksij Pregarc

Registrazioni e missaggi - Snemanje in Mixage
Filippo Massa

Traduzioni – Prevodi
Jolka Milič in Aleksij Pregarc

I Giorni dell'Arte

Anche la nostra Associazione ha partecipato al Festival I Giorni dell'Arte, fornendo un contributo massiccio specie per la poesia
dell'Euroregione a Gmund (Carinzia).
La direzione artistica è di Alfredo Lacosegliaz. A seguito del Festival è stato pubblicato un video riassuntivo.

 

 


 

 

 

Ri-Oriente”, raccolta di poesie di Marina Moretti

Ri-Oriente” è il titolo della recente raccolta della poetessa Marina Moretti uscita per i tipi di Hammerle Editori nella collana Il Nuovo Timavo, Trieste 2008. Come recita la quarta di copertina “Marina Moretti, triestina, in tempi di società dello spettacolo continua a credere alla poesia come linguaggio “politico” di pace tra le comunità e le generazioni. Cura incontri con gli scrittori dell’Euroregione e la collana letteraria plurilingue dell’Associazione Iniziativa Europea. Nella sua parabola personale dagli studi giovanili di archeologia ai versi dell’età matura riconosce lo stigma di uno scavo alla radice, alla ricerca di un qualche fondamentale, peraltro inafferrabile, che le compensi, anche minimamente, il barcollare dell’epoca.”

Leggi le recensioni di Luciano Morandini e Loretto Rafanelli

Leggi la recensione di Elsi Deghenghi docente all'Università di Pola

antologia di poesia "altri mondi"

E' stata pubblicata la bellissima Antologia di Poesia con Poeti Albanesi fra cui anche Marina Moretti, tradotta per l'occasione. Un esempio di interazione vera e concreta fra persone sensibili e capaci!

Vedi la copertina

IL PLUSVALORE DELLA VITA - OMAGGIO A VASKO POPA

24 luglio 2008

E’ titolo del nuovissimo libro prodotto dalla nostra Associazione “Iniziativa Europea” per le Edizioni Hammerle in Trieste. E’ anche il primo volume della collana editoriale “Il Nuovo Timavo – Traduzioni”. Un traguardo, per noi, niente affatto banale. Vasko Popa è il maggior poeta serbo del ‘900 e l’omaggio che gli abbiamo reso presso la Comunità Serba Ortodossa di Trieste nel maggio del 2007 ha raccolto le intelligenze più belle della letteratura e poesia triestina e serba: da Juan Octavio Prenz alla figlia Betina (che ha tradotto le liriche), da Augusto Debernardi a Branko Kukic, Dragi Bugarcic, Slobodan Zubanovic; dai poeti triestini Penco, Martelli, Vida, Fabris, Della Rocca, Battilana, Mocavero a Claudia Voncina e Marina Moretti.

“In guerra uniti
Abbiamo condiviso il plusvalore della morte

Perché ora in pace
Di nuovo uniti non produciamo
Il plusvalore della vita

Soli senza intermediari."

Da questi versi di Vasko Popa, ripreso dalla nostra presentazione al libro, ricordiamo il cammino di un popolo quello Serbo verso la costruzione di pace e di una comunità europea… senza intermediari. Noi, come associazione InEuropa,di sincero Volontariato Culturale siamo davvero in prima linea con la promozione di una poesia irenica ed ambasciatrice di pace, appunto.

Leggi la recensione di Loreto Ravanelli

orazio maria valastro - "La salute mentale e immaginario nell'era dell'inclusione sociale"

Nuovo libro nella collana dei quaderni di M@GM@ sulla salute mentale e l'immaginario nell'era dell'inclusione sociale con un capitolo di Augusto Debernardi, presidente della Associazione Iniziativa Europea, dal titolo "La salute menale nella società dello spettacolo".

 

 

 

 

Giacomo Scotti - "L'arcipelago di luce", edizioni Diabasis, 2007

Chissà come avrà fatto Giacomo Scotti, nato sulle sponde del Tirreno nei dintorni della capitale partenopea ricca di colore deciso, di rumore, di sanguignità, a lasciarsi incantare dal mar Adriatico, dalla sua luce limpida, che più di ogni altra materia inonda i suoi arcipelaghi e sembra volerci ricordare che il sole sorge ad est, fonte appunto e vita. L'Adriatico è caratterizzato dalle maree più ampie del Mediterraneo e questa caratteristica potrebbe avere una certa assonanza con quanto sto per congegnare. Giacomo l'ha fatto forse perché molto giovane, quasi adolescente, le vicende belliche del 1944 lo portarono a seguire a est l'avanzata di un esercito di liberazione ed a rincorrere il sogno ancora maggiore di un nuovo ordine sociale. [...]

Leggi tutta la presentazione del libro, a cura di Marina Moretti

Giacomo Scotti - "Un mare, due sponde", edizione Comune di Monfalcone, 2007

Mi sono sempre immaginata quando penso a Monfalcone che una bambina domandi a suo padre "ma papà cosa fai come lavoro?". Il babbo prendendola in braccio imbocca la strada maestra e la porta al "cantiere navale". Il suo braccio la protegge da quelle immense strutture che riescono a portare in alto carichi enormi, da quello scintillio di fiamme ossidriche ed acetileniche, da quei rumori possenti e dal brulichio di uomini. "Ecco, piccola mia tuo papà fa questa nave!". Davanti agli occhi della piccola si innalza una regina dei mari quasi pronta per il varo, tutta bianca ed ansiosa di portare a spasso facoltosi gitanti e turisti. La bambina guarda estasiata e si abbraccia il suo papà, ammirandolo. [...]

Leggi tutta la presentazione del libro, a cura di Marina Moretti

ELDERLY POETRY/AETAS POETICA

E' uscito il volume dell'antologia poetica ELDERLY POETRY/AETAS POETICA, edito dalla Kappa Vu di Udine.

"La sfida della voce nei luoghi dell'estrema vecchiaia attraverso poesie e racconti. Là dove le protezioni dello status, dell'ideologia, delle relazioni, finanche della corporeità sono fortemente indebolite si coglie più chiara la resistenza dell'eros che muove la vita, la libertà tragica che si proclama nell'avversità. Ciò di cui ci parlano questi anziani in prossimità di una terra ignota è molto importante, proprio per la condizione agonica dell'essere e del dire e la piena libertà. Un inventario di fatti, sentimenti, figure essenziali, quasi il poco bagaglio che si è salvato dal naufragio e che si porterà a riva. Si può guardare a questa eredità in molti modi, cogliervi molte lezioni con le antenne dell'antropologia e della psicologia, passando per la filosofia e la storia. Ma chi indaga ciò che mai possa essere la condizione lirica, riconoscerà in questo corpus il moto primo della poesia, anche se "art brut" prima del mestiere. Un moto che viene dal vissuto, che chiede amami, riconoscimi, fammi esistere oltre l'attimo nella parola" (dalla Prefazione di Marina Moretti, poeta).

Abbiamo cercato di uscire dai soliti "dispositivi" che hanno la capacità di imbrigliare tutto con la loro forza di gravità iper-concentrata per scoprire le pulsioni espressive e creatrici che mai abbandonano il genere umano ma che troppo spesso vengono negate ai più. Abbiamo lanciato il progetto "Elderly Poetry/Aetas Poetica" che dà semplicemente il nome all'Antologia ed onoriamo la sua conclusione con il volume abbellito dai disegni di Ugo Pierri che segnano anche le parti con cui abbiamo voluto costruire quell'identità di mosaico, non di affresco per non far passare i molteplici colori in secondo piano, altrimenti impossibile data la varietà delle composizioni. Così dopo la prefazione e l'introduzione abbiamo "omaggi al progetto", "poesie e racconti" ed infine le varie "case di riposo".

Con l'editrice Alessandra Kersevan abbiamo tenuto in considerazione l'esigenza di un corpo di stampa accessibile anche agli anziani e d una impaginazione capace di far risaltare il nome degli autori. Un libro costruito con pazienza ed amore, come ci ha detto proprio l'editrice. La scrittura dell'"età libera" è stata trasformata in un "tesoretto" che viene distribuito per aumentare la qualità della vita di tutti e sicuramente dei lettori.

A parte, un grazie all'Assessorato alla Cultura della Regione Friuli Venezia Giulia per il sostegno.
(Augusto Debernardi, coordinatore del progetto)

N.B.: a tutti gli autori manderemo gratuitamente copia del volume.
Per altri lettori interessati comunichiamo l'indirizzo dell'editore per facilitare l'ordine in libreria:
Edizioni Kappa Vu, via Bertiolo 4, Udine, € 12

"Zio Nini" o la rivoluzione umana - dal confino fascista ai campi di concentramento nazisti - di Luisa Nemez

A Trieste Luisa Nemez è molto nota perché ha dato vita, ben oltre trenta anni fa, all' ANDOS (Associazione nazionale donne operate al seno). Un'azione di grande volontariato dimostrando così cosa sia la sussidiarietà. Sarà per questo che oggi si trova sotto tensione perché le pubbliche istituzioni, diciamola così, ben poco sanno del novellato art. 118 della nostra costituzione che parla appunto della sussidiarietà. Non solo. Luisa Nemz è anche la promotrice dell'Organizzazione per la Tutela dei Consumatori del Friuli Venezia Giulia. Insomma, una che di tutela e di promozione dei diritti ne ha fatto una pratica. Sarà per questo che si è cimentata con un libro di storiografia per tutelare, rendendo giustizia, lo zio Nini, al secolo Giovanni Bidoli, classe 1902, di simpatie anarco/comuniste, trascorse la sua vita adulta nelle galere fasciste e nei campi nazisti ...
leggi la completa recensione di Augusto Debernardi

"atelier dell'immaginario autobiografico" - di orazio maria valastro

Copertina libro Atelier dell'immaginario autobiograficoE' uscito, a cura di Orazio Maria Valastro, laureato alla Sorbona e ricercatore indipendente, fondatore e direttore della rivista elettronica m@gm@ specializzata in analisi e ricerche qualitative, dottore all'Università di Paul Valere di Montpellier e membro del comitato scientifico della "Revue Algérienne des Etudes Sociologiques", Università di Jijel, Algeria, il volume ATELIER DELL'IMMAGINARIO AUTOBIOGRAFICO. Un prodotto pratico del lavoro svolto dall'Associazione "LA STELLA IN TASCA" e con il contributo del CSV Etneo.

Il libro è suddiviso in due parti: la prima contiene le prospettive teoriche sulle pratiche narrative come opportunità; la seconda parte presenta una serie di proposte che hanno come fondamento pratiche reali. Best Practice possiamo dire.

"L'autobiografia può aiutarci a scavalcare le difficoltà che nascono giorno dopo giorno con fermezza e disinvoltura, essa può far rivivere dentro di noi i nostri valori morali con autocoscienza e determinazione tenendo in giusto conto le sofferenze.." (dalla prefazione di Antonino Maria Santi Valastro, presidente dell'Associazione "Le stelle in Tasca").

Il volume contiene anche un contributo (pagg. 57-64) di Marina Moretti e Augusto Debernardi di "InEuropa" dal titolo "La poesia come pratica di ricostruzione di senso".

Un volume davvero utilissimo per chi scrive, per chi è curioso, per chi lavora nelle relazioni e desidera essere qualitativamente competitivo e fare buona pratica.

Edizione f.c. richiedibile alla Associazione "Le Stella in Tasca", via Eolie 3/B - 95123 Catania.

"Lorenzo da Ponte e il mistero di Idria" - di Alessandro Rocco

copertina Lorenzo da Ponte e il Mistero di IdriaUna storia di spionaggio nella Gorizia del Settecento. Alessandro Rocco, medico nefrologo di Gorizia - oggi lavora anche a Trieste per l'Associazione AMARE Il Rene - esce nell'editoria con questa sua spy story. Compie ricerche storiche più che accurate per collocare degnamente i suoi personaggi che si muovono fra i cambiamenti caratterizzati da una visione più liberale dell'uomo in forza ad un illuminismo emergente. Ecco il mix culturale, per dirla brevemente, del contesto storico in cui si colloca l'azione e che si rapporta alla visione moderna dell'autore.
Abbiamo già presentato il libro a Gorizia il 30 novembre 2006, sua patria storica ed attuale, nella sala settecentesco di Palazzo Attems con un grande successo di pubblico. A gennaio 2007 lo presenteremo a Trieste e presto, al riguardo, saremo più precisi.

Leggi l'intera presentazione del libro "Lorenzo da Ponte e il mistero di Idria"

La foto della presentazione a Gorizia:

Io è un altro / Yo es otro

io è un altroE' appena stato pubblicato (ottobre 2006) il nuovo libro della nostra associaizone. Si intitola "Io è un altro / yo es otro", ed è una gran bella antologia di poeti di paesi lontani accomunati dal fenomeno della migrazione: il nord est dell'Italia, il Quarnero, l'Istria e la regione del Rio de la Plata (Argentina).
Le autrici sono Elvira Dolores Maison e Marina Moretti. L'editore è Harmattan Italia con il sostegno del Centro Servizi Volontariato della regione Friuli Venezia Giulia.

Leggi l'intera presentazione del libro "Io è un altro"
(a cura di Augusto Debernardi e Lucio Gregoretti, file pdf 7 KB)

"Se questa e' vita" - di edoardo kanzian

copertina del libro Se questa è vitaE' il titolo dell'opera poetica e di saggistica poetica che per prima sorge nelle spire del progetto "Elderly Poetry - Aetas Poetica" a firma di Edoardo Kanzian.

Il nostro autore, animatore del volontariato culturale, va ricordato anche per alcune produzioni musicali. "Da Trieste" raccolta di canti di lotta e di speranza con Gabriella Rota ed il collettivo "Giovani cantanti" e "Trieste contro" dove Velemir Dugina suona il violino con quella maestria che promette ancora molto di più. Ma la promessa fu spezzata dalla morte, morte voluta precocemente. E per questo in "Se questa è vita" c'è una poesia che lo ricorda, insieme alle stelle che si vedono da un'isola dell'adriatico.

Kanzian, Edi, come fece a far fare questi dischi da case nazionali? Andò semplicemente a Roma dove riuscì a convincere il direttore di produzione che qualche cosa ne capiva. Si mosse ed andò. Cosa che ancor oggi fa. e non sempre è capito. Ma le sue poesie, il suo insieme di riflessioni e citazioni. quasi un invito a scrivere anche tu, ti spingono a farlo, a partecipare davvero. Senza ritrosie e cerimonie. Una raccolta per una vita autentica.

"La vita al margine" - di Marina Moretti

Predrag Matvejevic e Marina MorettiVenerdì 21 aprile 2006 presso l'Antico Caffè San Marco di Trieste alle ore 18.00 è stato presentato il libro di poesie "La vita al margine" di Marina Moretti (edito dalla Editrice Ibiskos di A. Risolo), durante il primo appuntamento della rassegna "La Parola alla Scrittura".

Nel libro è pubblicata la silloge di poesia che ha vinto il primo premio per la poesia inedita al Concorso Letterario Internazionale Trieste Scritture di Frontiera 2003.

Sono intervenuti Predrag Matvejevic e Claudio H. Martelli. Commento musicale del maestro Silvio Donati, letture a cura di Titti Bisutti e Aleksij Pregarc. Ha presentato Rina Anna Rusconi.

Note di una poetessa a "La vita al margine" (, file pdf 703 KB)

Le foto della presentazione:

"Ex Border" - curato da Alberto Princis

Testimonianza cartacea d'un progetto di incontri culturali nelle scuole, di letture poetiche e tavole rotonde tra artisti e scrittori del Friuli - Venezia Giulia e della Slovenia al momento dell'allargamento ad est e della caduta dell'ultimo muro europeo che divideva la città di Gorizia.

Iniziativa Europea ringrazia per la collaborazione la Fondazione C.R.
di Gorizia, la Regione FVG-Assessorato cultura, il PEN Club Trieste, la Provincia di Gorizia, la Biblioteca Statale di Gorizia, la Biblioteca Civica di Gorizia.
Le fotografie sono di Roberto Kusterle. La direzione è di Alberto Princis.

"Dalla parte del fuoco" - di Paolo Universo (poema postumo)

Copertina libro Dalla parte del fuocoE' un poema postumo di Paolo Universo sugli anni '70 che furono particolarmente ruggenti e pieni di contraddizione e che fecero di Milano la capitale del tardo-capitalismo italiano.

"Come curatrice mi è d'obbligo qualche parola, sul senso della pubblicazione e dell'opera. Cercherò di farlo nel modo meno retorico, Paolo odiava la retorica e la ritualità, come lo stereotipo, il pensiero unico, l'omologazione, in quanto aspetti di una sostanziale ipocrisia. Atteggiamento che gli ha procurato non poche diffidenze e aperte ostilità quando incrociava ambienti di potere. D'altro canto è un rischio che si corre - quello di scivolare nella retorica- quando si sente l'occasione come importante e si prova una buona dose di commozione. E io provo una grande commozione a parlare di Paolo e non voglio farlo in modo emotivo, chi lo conosceva sa quanto detestasse il sentimentalismo ... ".

Leggi l'intera presentazione del libro "Dalla parte del fuoco"
(a cura di Marina Moretti, file pdf 33 KB)

La foto della presentazione:

"Trieste European Poetry"

Copertina del libro Trieste European Poetry E' una raccolta di versi di poeti contemporanei (43) di Trieste che si esprimono in italiano, sloveno, triestino, tedesco e tutti tradotti in inglese dimostrando la polifonia di una stessa città, Trieste.
Il libro è stato presentato anche a Lubiana e a Monaco di Baviera.

"Parlando di questo libro è innanzitutto doveroso un chiarimento iniziale a partire dal titolo, in quanto quell' european potrebbe trarre in errore, qualora inteso come un'ipervalutazione letteraria della poesia nostrana, quasi a farne una segnata espressione di cultura europea. Lungi da noi curatori una simile presunzione di centralità per Trieste. Quell'european semplicemente marca una vocazione, il desiderio di offrire alla poesia triestina attraverso l'inglese una voce potenziata e la possibilità di un dialogo più ampio oltre i confini municipali e nazionali"

Leggi l'intera presentazione del libro (a cura di Marina Moretti, file pdf 9 KB)
Invito al bookcrossing del libro (file pdf 195 KB), presente sala di attesa dell'aeroporto di Trieste - Ronchi dei Legionari

In primo piano

5 per mille

Sostieni INIZIATIVA EUROPEA con il 5‰

L’associazione INIZIATIVA EUROPEA rinnova la sua richiesta del Vostro 5‰ a suo favore. Sul sito trovate alcuni progetti che vogliamo svolgere (e anche le cose fatte!). La Cultura con la poesia onesta da portare negli Istituti Italiani di Cultura dell’Europa e l’Arte; il Sociale a favore delle bambine e dei bambini in povertà e con problemi seri tanto da essere seguiti dai servizi pubblici ed a favore dell’Hogar Guadalupe di Asunción.

Aiutateci ad aiutare: Grazie!

Basta scrivere nella apposita casella della vostra dichiarazione dei redditi il nostro codice fiscale 91018360312 . Molto semplice, NON COSTA NULLA!

Codice Fiscale 91018360312—iscrizione al registro regionale volontariato n° 688

Il 5‰ ad Iniziativa Europea è cultura del senso e senso della cultura.